Master Biennale in Pedagogia Familiare

30 Marzo 2020
Descrizione Offerta di Lavoro

Il Master è riconosciuto dall’Associazione Nazionale dei Pedagogisti Familiari – ANPEF, associazione inserita nell’elenco del Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) che rilascia l’Attestato di qualità e di qualificazione professionale dei Servizi.

Obiettivi
Fornire tutti gli strumenti necessari per:
-Diventare esperti nel Sostegno Genitoriale, nella conflittualità e nel solving progettuale.
-Conoscere ed usare tutti gli strumenti propri della Pedagogia Familiare: il progetto solvente, le tecniche e professionalità, il potenziamento delle capacità genitoriali, la Didattica Efficace
-Promuovere il ruolo sociale e la professionalità del Pedagogista Familiare ai sensi della Legge 4/2013.
-Fornire elementi di base in ambito giuridico in relazione al Diritto di Famiglia, Diritto allo Studio, Diritti Umani.
-Utilizzare l’Approccio Multidisciplinare Coordinato tra Pedagogisti Familiari e altri Professionisti

Durata del Master, frequenza, orari delle lezioni

Il Master ha una durata di 18 -20 mesi. 2500 ore di formazione comprensive dell’intero carico didattico (lezioni in aula, moduli formativi a distanza con esercitazioni, lettura di tesi consigliati, simulazioni, elaborazione di progetti d’intervento, tirocinio, stesura e discussione dell’elaborato finale)

Le lezioni in aula si terranno una volta al mese in formula weekend:
sabato ore 10.00-17.00/18.00
domenica ore 10.00-13.00/14.00

Destinatari
Il Master Biennale è rivolto a Pedagogisti, Educatori Professionali di Comunità e Coordinatori dei Servizi, Scienze della Formazione Primaria, Studenti o Laureati in Psicologia, Tirocinanti, Medici, Avvocati, Laureati in Giurisprudenza, Laureati in Scienze Umanistiche od affini, Filosofi, a Cultori della Materia, a Docenti nelle differenti discipline e/o nel sostegno. Il Master è abilitante alla Libera Professione di Pedagogista Familiare e dà la possibilità di accedere al Registro Nazionale dei PEDAGOGISTI FAMILIARI.

Programma

DESCRIZIONE DELLA DIDATTICA E DEI MODULI FORMATIVI
-Introduzione alla Pedagogia Familiare
-Il Profilo Professionale del Pedagogista Familiare
-Tecniche e Professionalità del Pedagogista Familiare
-Approccio Familiare Multidisciplinare Coordinato con applicazione della griglia: applicazione ad un caso
-Le caratteristiche del ciclo di vita familiare; il sistema famiglia e il contesto socio culturale, famiglie multiproblematiche, miste, ricostituite, ricongiunte, interrazziali, atipiche, arcobaleno
-La Tutela dei Diritti Umani come mission del Pedagogista Familiare

SITUAZIONI DI AFFIDO E ADOZIONE
-L’Istituto dell’adozione e dell’Affido eterofamiliare in Italia (linee guida)
-Chi sono i bambini in condizioni di Affido eterofamiliare e Adozione? (Orfani con genitori in vita)
-La tutela giuridica dei minori in situazioni di difficoltà e in stato di abbandono
-L’opposizione all’adottabilità
-Affidamento parentale
-Il ruolo dei nonni; nonni penalizzati dalle separazioni
-I genitori biologici che aspettano il ritorno del figlio andato in affido o in adozione
-Idoneità all’adozione
-La scelta adottiva: diritti e doveri dei genitori adottivi
-Percorsi di idoneità genitoriale all’Adozione (quella famiglia per quel bambino:l’abbinamento)
-Storie di famiglie. L’adozione e l’affidamento raccontati dai protagonisti
-I servizi territoriali
-Il ruolo dei servizi sociali nelle procedure di affidamento e di adozione.
-L’adozione internazionale:
-Storia, Legislazione internazionale, Convenzioni
-La Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI)
-Gli Enti autorizzati
-Le criticità dell’adozione internazionale e l’accompagnamento alla genitorialità internazionale
-La consulenza alle famiglie internazionali
-Il bambino che non vuole essere adottato. L’adozione degli adolescenti
-L’accoglienza scolastica dei minori adottati

IL SISTEMA DELLE CASE FAMIGLIA
-Chi sono i bambini in affido in Casa Famiglia
-Le diverse tipologie di comunità d’accoglienza
-Le comunità per le adolescenti – madri
-Le case di riposo per gli anziani
-Le comunità e i Centri Antiviolenza
-Modelli organizzativi e metodologie d’intervento a confronto
-Il PEI
-Le Case Famiglia per adolescenti con disabilità
-Le comunità di accoglienza ad Alto Contenimento
-Spazi neutri per incontri protetti tra minori ospitati in casa famiglia e madri e padri sospesi dalle responsabilità genitoriale
-Criticità ed esperienze: chi e cosa proteggere da chi?
-L’approccio familiare multidisciplinare coordinato
-Il recupero dell’idoneità genitoriale
-Storie di famiglia. L’adozione raccontata dai protagonisti

DIRITTI UMANI
-La progettazione sociale
-La progettazione educativa in prospettiva europea
-Cosa sono le ONG e cosa fanno
-Gli hospices le cure del fine vita: l’organizzazione interna delle strutture di accoglienza per i malati oncologici.
-Strategie di intervento per il sostegno ai nuclei familiari
-Bambini pazienti Oncologici, l’esperienza dell’AGOP Onlus
-La Tutela dei Diritti Umani delle Fasce Vulnerabili di Popolazione
-La Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo
-La Convenzione Europea contro la violenza nei confronti delle donne
-La Convenzione internazionale sui diritti delle persone con disabilità
-La Convenzione del Consiglio d’Europa sui diritti delle minoranze
-La Progettazione degli Interventi di Educazione al rispetto dei Diritti Umani
-I riferimenti normativi nazionali e internazionali

TECNICHE E PROFESSIONALITA’ DEL PEDAGOGISTA FAMILIARE
-La progettazione di interventi di sostegno per i familiari dei pazienti terminali – Esercitazione in gruppi
-Strumenti del Pedagogista Familiare: cartelle, ambiente di lavoro, organizzazione degli spazi, sicurezza e privacy
-Il coordinamento genitoriale: definizione ed ambiti d’intervento
-L’organizzazione e le competenze del Tribunale Civile in tema di Diritto di famiglia. I saperi extra-giuridici nell’attività dei Collegi giudicanti del Tribunale per i minorenni e della sezione per i minorenni c/o la Corte d’Appello: ruolo e funzioni del Giudice Onorario
-Le relazioni tra Diritto e Scienze nel Processo: ruoli e funzioni del Perito, del CTU e del CTP -elementi di base
-Esercitazione pratica: il conferimento dell’incarico al Coordinatore genitoriale
-L’affido condiviso nella coppia conflittuale
-Coordinamento genitoriale e Pedagogia Familiare a confronto con Gruppi Parola e Family Conference
-Esercitazione su differenti tipologie di progettazione previste e modalità di conduzione dei colloqui
-Il sistema famiglia e il contesto socio culturale
-Le caratteristiche del ciclo di vita familiare: formazione della coppia e della famiglia innamoramento, amore, tradimento, perdono. La nascita dei figli
-Interferenza parentale o alienazione dei sentimenti
-Le decisioni giudiziarie a salvaguardia delle relazioni familiari
-Le forme di tutela giurisdizionale delle persone minori d’età
-Esercitazione: dalla lettura dei decreti alla progettazione di interventi di coordinamento genitoriale
-ESERCITAZIONE/ SIMULAZIONE DI COLLOQUI
-Il Coordinatore Genitoriale e la coppia conflittuale nel setting: lo studio del caso e la presa in carico
-La famiglia detenuta
-Mediazione Familiare e Mediazione dei conflitti attraverso tecniche di mediazione e di comunicazione efficace.
-Gli interventi di ADR (Risoluzione alternativa delle dispute)
-La Pedagogia Familiare nel sostegno genitoriale, nella conflittualità e nel solving progettuale
-La progettazione del Piano Genitoriale Altamente Strutturato
-La famiglia criminale
-Abusi e maltrattamenti in famiglia; la violenza domestica; la violenza assistita e la violenza psicologica;
-Il Femminicidio;
-I Centri Antiviolenza – le strutture di accoglienza madre bambino
-Progettare un servizio
Pedofilia, incesto e pedopornografia
L’ascolto del minore sessualmente abusato e l’accoglienza del dolore
-La professione del Pedagogista Familiare: il Registro Nazionale dei Pedagogisti Familiari (ANPEF); -l’Attestazione professionale; la Formazione Continua

LA PEDAGOGIA FAMILIARE INTERCULTURALE
-Pedagogia Familiare e Pedagogia Interculturale: la progettazione sociale
-La mediazione culturale
-Le famiglie straniere: l’accoglienza scolastica e la didattica interculturale.
-Problemi intergenerazionali tra genitori stranieri e figli occidentalizzati

DIDATTICA EFFICACE®
-Didattica Efficace®: empatia e creatività
-Analisi critica della Legge 170
-Cenni su PEI, PAI e PDP
-Tecniche di apprendimento facilitanti per il superamento delle difficoltà nella grafia e nell’ortografia
-Tecniche di apprendimento facilitanti per il superamento delle difficoltà nel calcolo
-Tecniche di apprendimento facilitanti per il superamento delle difficoltà nella lettura e nella scrittura
-Il Genogramma familiare
-Figli e studenti ribelli:
-Cyberbullismo e contesti educativi
-Educare alla prosocialità
-La mediazione scolastica

Tirocinio
Il Tirocinio viene svolto internamente al Master nella misura di 40 ore. E’ possibile svolgere un ulteriore tirocinio esterno volontario.

II Livello del Master in Pedagogia Familiare: dopo l’esame finale, previa iscrizione ad ANPEF – Associazione Nazionale dei Pedagogisti Familiari, riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), sarà possibile iscriversi ad un secondo livello formativo composto di:

tirocinio esterno (100 ore) e supervisione all’attività di Pedagogista Familiare

Attestato finale
Il Master rilascerà un Attestato di Frequenza ed un Certificato di Competenze con riconoscimento MIUR e crediti formativi per Assistenti Sociali. Il Certificato ha validità per tutti gli usi consentiti dalla Legge, per esigenze concorsuali, curricolari, per aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale.

Sede del Master
Le lezioni del Master si svolgeranno a Roma presso una delle sedi dell’Istituto, distanti tra loro poche centinaia di metri:
Sede di Via dei Papareschi, 11 – Angolo Piazza della Radio (Palazzo Fedeli ex Gruppo Clark).
Sede di Viale Trastevere, 209

Contatti
Per ulteriori informazioni indicati nel nostro profilo.

N.B,
Il costo del Master è da intendersi IVA esclusa


Candidati per questa Offerta di Lavoro

E' importante compilare con cura tutti i campi del form, per le aziende sarà più facile trovare la tua candidatura!

Nome *

Cognome*

Email *

Cellulare/Telefono *

Data Nascita *

Sedi di Lavoro Preferite *

Figura Professionale *

Principali Esperienze Lavorative * (Incollate tutte le esperienze lavorative)

Autorizzo la visualizzazione del CV alle aziende registrate sul portale

Allega Curriculum (docx, pdf, doc, txt)

Qual' è il risultato dell'operazione: 5+8 =